Codice dello spettacolo, nuovo valore alla professionalità

0
580
palazzo montecitorio

Codice dello spettacolo, nuovo valore alla professionalità

Nello scorso numero della rivista abbiamo commentato l’approvazione del Codice dello spettacolo, che ha previsto l’inserimento dello spettacolo viaggiante tra le attività di spettacolo a carattere imprenditoriale. Su quel provvedimento l’attività dell’Associazione è stata determinante.

Ancora qualche novità interesserà i nostri Associati.

Nel corso dell’approvazione del Codice dello spettacolo è stato presentato un ordine del giorno, approvato con il parere favorevole del Governo. Si tratta di in impegno al Governo affinché, nell’ambito dei decreti attuativi del Codice sello spettacolo, introduca “specifici requisiti di professionalità” per il rilascio delle autorizzazioni.

Ancora una volta l’impegno dell’Associazione sulla qualificazione professionale dell’esercizio, ha portato un risultato importante, molto atteso dalla Categoria.

Ordine del giorno in Assemblea n. 9/4562/13

La Camera,

premesso che:

l’articolo 1, comma 2, lettera e) include lo spettacolo viaggiante tra le forme di spettacolo, svolte in maniera professionale, promosse e sostenute dalla Repubblica;

lo spettacolo viaggiante è un’attività che comprende anche il reiterato trasporto, il montaggio e lo smontaggio, nonché la gestione, di attrazioni complesse, come ad esempio gli ottovolanti, le ruote panoramiche o le torri a caduta libera ecc.;

l’esercizio di tale attività è attualmente vincolata al possesso di una mera autorizzazione di Pubblica Sicurezza, di cui all’articolo 69 del Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza, rilasciata senza alcuna verifica delle competenze tecniche e gestionali;

nell’esercizio di tali attività vengono utilizzati macchinari complessi e possono avvenire incidenti, causati spesso dai comportamenti degli utenti e in alcuni casi da una gestione non competente delle attrazioni;

ogni forma di pericolo per la pubblica incolumità può essere evitato solo accrescendo la professionalità degli operatori,

impegna il Governo

a valutare l’opportunità di introdurre – in fase di elaborazione dei decreti attuativi del Codice dello Spettacolo – specifici requisiti di professionalità degli operatori per l’esercizio dell’attività di spettacolo viaggiante.

9/4652/13. Crivellari, Narduolo, Manzi, Coscia, Bonaccorsi, D’Ottavio, Iori, Ventricelli, Sgambato, Ghizzoni, Ascani, Palese.

Continua a seguirci sul sito oltre che sulla rivista cartacea, questo articolo fa parte della selezione cartacea per la rubrica “SPECIALI DALLA RIVISTA“.


Warning: A non-numeric value encountered in /home/lospetta/public_html/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here